18 Novembre 2022

Giornata in memoria delle vittime della strada, Provincia di Treviso, Prefettura e Conferenza dei Sindaci in rete per ridurre gli incidenti

Nell'ambito del Tavolo per la Sicurezza Stradale, gli Enti ricordano i dati 2022 e il trend negli ultimi 10 anni

Per sensibilizzare la cittadinanza sul tema della sicurezza stradale, in vista della Giornata mondiale in memoria delle vittime della strada di domenica 20 novembre, la Provincia di Treviso, la Prefettura e la Conferenza dei Sindaci Ulss2 della Marca Trevigiana colgono l'occasione per ricordare l'impegno condiviso nell'organizzazione e promozione di attività sul territorio provinciale attraverso il “Tavolo per la Sicurezza Stradale” avviato il 28 settembre 2022, che riunisce oltre 30 realtà tra Istituzioni, Autorità, Forze dell'Ordine e Associazioni locali.


Il progetto è nato con l'obiettivo di invertire il drammatico trend degli incidenti nelle strade del Trevigiano, che negli ultimi mesi in particolare ha registrato un tragico aumento dei sinistri mortali: da un'analisi specifica svolta dal Centro di Monitoraggio degli Incidenti Stradali della Provincia di Treviso (seppur parziale non essendo ancora concluso l'anno e dunque in attesa della certificazione ISTAT) emerge come nei soli mesi di settembre e ottobre nel 2022 si siano verificati rispettivamente 11 incidenti con esito fatale, rispetto a una media di 3,4 mortali al mese, e di 8 mortali a ottobre, mese che storicamente registra un valore medio di 5,1 incidenti.


A eccezione di questi dati, per i quali il 2022 risulta un anno “anomalo”, l'annualità corrente, seppur non ancora conclusa, registra un andamento simile al 2019 e al 2016; guardando invece all'ultimo decennio, dal 2012 al 2021 i sinistri mortali rilevati e certificati da ISTAT nel territorio della provincia sono 535, mentre i mesi più critici risultano luglio e agosto, con 59 incidenti mortali ciascuno in dieci anni. L'analisi della Provincia ha messo in evidenza, inoltre, come la maggior parte dei sinistri mortali sia dovuta a scontri frontali, fuoriuscite autonome, distrazione e investimenti di pedoni: per quest'ultima voce, si è riscontrato che nel corso del 2022 i pedoni purtroppo deceduti a causa di un investimento sono stati 7 sul territorio sino a oggi, il medesimo dato è stato registrato nel 2019,2018 e 2014, mentre sono stati 11 gli investimenti registrati nel 2021 e nel 2017, 9 nel 2015 (inferiori in tutti gli altri anni). Complessivamente, il Centro di Monitoraggio ha rilevato dal 2012 85 investimenti di pedoni, che rappresentano il 15,89% dei sinistri mortali rilevati. Sono sempre 7 i ciclisti rimasti coinvolti in incidenti con esito fatale nel 2022: 66 nell'ultimo decennio, ovvero il 12,34%.
Dall'analisi emerge come l'andamento del 2022 risulti simile, in termini numerici, al 2021. È stato confrontato, inoltre, il rapporto tra la gravità degli incidenti stradali e l'intensità del traffico: l'interpretazione dei dati, paradossalmente, dimostrerebbe come la gravità aumenti con il diminuire del traffico. Prendendo in considerazione il rapporto medio tra eventi mortali e incidenti con lesioni (ovvero il numero di incidenti con vittime ogni 100 incidenti con feriti), questo è del 2,48% negli ultimi dieci anni, con un picco straordinario del 3,25% nel 2021. Tuttavia, ad avvalorare l'ipotesi sopra riportata, ci sarebbe il dato 2020: durante il lockdown, gli spostamenti sono stati molto limitati e il traffico quasi inesistente, eppure il valore medio è salito al 3,96%, quasi il doppio rispetto alle percentuali riscontrate negli anni precedenti (2,15% nel 2012, con 60 incidenti mortali rilevati, 2,10% nel 2013, con 51 incidenti mortali, 2,25% nel 2017, ancora con 51 sinistri mortali). Nel 2019, anno pre-pandemia, il valore era di 2,33%.


Infine, la fascia oraria più “a rischio” risulta essere quella compresa tra le 17.00 e le 19.00, corrispondenti all'uscita dal lavoro.
Proprio per diffondere una maggiore consapevolezza sui rischi della strada, sugli effetti che seguono un incidente e agire con iniziative concrete sul territorio, il “Tavolo per la Sicurezza Stradale”, che opera nei quattro ambiti della salute, del sociale, dell'educazione e della viabilità, ha come obiettivi ridurre l’incidentalità, i costi economici, sociali e sanitari dei possibili traumi che conseguono un incidenti, sensibilizzare e informare la comunità attraverso lezioni formative e campagne mirate sui comportamenti corretti da tenere alla guida.

Logo della Provincia di Treviso

Logo della Provincia di Treviso

Il Presidente della Provincia di Treviso

Indirizzo e recapiti

Via Cal di Breda, 116 - 31100 TREVISO

Tel +39 0422 6565
Fax +39 0422 656666
E-mail urp@provincia.treviso.it
PEC protocollo.provincia.treviso@pecveneto.it

Il Parco Sant'Artemio e il Parco della Storga

E’ consentito l’accesso al Parco del complesso di Sant’Artemio e al Parco della Storga nei giorni feriali dalle ore 7.00 alle ore 19.00 e nei giorni di sabato, domenica e festivi dalle ore 8.00 alle ore 18.00.

In ottemperanza alle norme in materia di contenimento e gestione dell'emergenza epidemiologica da COVID-2019 l’accesso del pubblico al Parco è condizionato al rigoroso rispetto della distanza di sicurezza interpersonale di un metro e del divieto di ogni forma di assembramento di persone; è richiesto l’utilizzo di mascherine o ogni altro idoneo dispositivo per la copertura di naso e bocca, nonché di guanti o gel o altra soluzione igienizzante.

© 2022 Provincia di Treviso