Una nuova palestra presso l’ISISS “Scarpa” a Motta di Livenza

26.05.2017
“L’opera, per un importo complessivo di 2.100.000 euro, è riuscita a rientrare nel "Piano straordinario per egli edifici scolastici" – spiega il Presidente STEFANO MARCON – ottenendo, attraverso l’intervento della Regione Veneto con la BEI, il finanziamento del M.I.T. e del MIUR per circa 1.906.000 euro e per 94.000 euro impegnati con nostre risorse.”
Il progetto generale dell’impianto, classificato come B1 (Palestre regolamentari da 600 mq. più i relativi servizi, aperte anche alla comunità extra-scolastica) prevede un campo di gioco regolamentare di pallacanestro così come previsto dalla Federazione Italiana Pallacanestro e,  anche un campo regolamentare di pallavolo. Le dimensioni dei campi da gioco sono progettate in modo che, in futuro, si possano collocare le tribune per assistere agli avvenimenti sportivi con una capacità stimata di circa 164 persone. 
Gli spazi sono progettati per un uso flessibile, e come da Decreto Ministeriale 18/12/1975 la palestra è dotata di:
-
Una zona destinata agli insegnanti costituita da due spogliatoi corredati di servizi igienici e doccia.
- U
na zona di servizi per gli allievi costituita da spogliatoi, locali per servizi igienici e per le docce; l'accesso degli allievi alla palestra dovrà sempre avvenire dagli spogliatoi.
-
Una zona per il servizio sanitario e per le visite mediche.
-
Una zona destinata a depositi per attrezzi e materiali vari necessari per la pratica addestrativa e per la manutenzione.
-
Un locale tecnico per l’alloggio degli impianti elettrici;
-
Un locale tecnico per l’alloggio degli impianti meccanici.

Tutti gli spazi interni della nuova palestra sono progettati per garantire la completa e agevole fruibilità da parte delle persone disabili.
“Degno di nota – precisa Marcon - è il moderno impianto fotovoltaico da 20 kW, che unito all’impianto, di uguale potenza (già presente nell’edificio principale dell’Istituto Scarpa) contribuisce in maniera significativa all’approvvigionamento di energia elettrica dell’intero complesso, rendendolo addirittura autosufficiente nei periodi di maggior produzione dell’impianto.”
“Oltre alla messa in disponibilità dell’area, lo sforzo e l’impegno del Comune di Motta di Livenza – dichiara il Sindaco PAOLO SPERANZON – è per euro 100.000, di questi tempi contributo non facile per gli ingessati bilanci dei Comuni.”  
La Provincia di Treviso – aggiunge il Presidente Stefano Marcon – è stata l’Ente Appaltante, e con questa importante responsabilità (della quale ringrazio il personale tecnico della Provincia) direttamente legata all’ammissione al finanziamento, ha concluso i lavori in 420 giorni dalla data di consegna degli stessi”.

Treviso 26 maggio 2017   

Questo sito utilizza cookie. Per saperne di più o per fare scelte specifiche sull'uso dei cookie clicca su "Voglio essere informato". Per esprimere il tuo consenso clicca su "Accetto". Se ignori questo banner, scorrendo la pagina o proseguendo nella navigazione, acconsentirai comunque all'uso dei cookie.