EDUFOOTPRINT: School Low Carbon Footprint in Mediterranean cities

EDUFOOTPRINT: School Low Carbon Footprint in Mediterranean cities
logocolouredufootprint
Programma europeo di finanziamento: Interreg MEDITERRANEAN 2014-2020

Il progetto europeo EDUFOOTPRINT, coordinato dalla Provincia di Treviso e finanziato dal programma Interreg MED, intende migliorare le capacità di gestione, pianificazione e controllo dell'energia negli edifici pubblici dell'Area Mediterranea. Affronta, in particolare, il problema del miglioramento dell'efficienza energetica riducendo l'impronta ambientale negli edifici scolastici, prendendo in considerazione l'intero ciclo di vita del sistema educativo.

Il progetto è iniziato a novembre 2016 e si concluderà a febbraio 2019. Il partenariato è composto da 9 partner provenienti da 6 paesi dell'Europa mediterranea che hanno unito le loro forze e competenze allo scopo di calcolare l'impronta ambientale delle scuole nell'area del Mediterraneo e ridurne l'impatto.

La cooperazione tra i partner del Progetto TOGETHER ha gli obiettivi di:

• elaborare un modello innovativo di valutazione e gestione degli edifici scolastici, che permetta di ridurre l’impatto ambientale e rafforzare gli obiettivi dei PAES (Piani d'Azione per l'Energia Sostenibile) locali.
• rafforzare le competenze dei proprietari e dei gestori (Comuni e dirigenza scolastica) al fine di sviluppare ed implementare pratiche di efficienza energetica negli edifici scolastici pubblici della zona MED.
• creare una rete transnazionale di scuole aderenti al progetto EDUFOOTPRINT con lo scopo di garantire la trasferibilità e replicabilità del modello in tutta l’Area del Mediterraneo.

Considerando non solo gli impatti energetici diretti degli edifici, ma anche quelli indiretti, come la tipologia di appalti pubblici o il comportamento degli utenti, il progetto è finalizzato al miglioramento dell'efficienza energetica degli edifici pubblici scolastici attraverso le seguenti azioni:

• valutare l’impronta ambientale delle scuole con un calcolatore automatico per i proprietari ed i gestori degli edifici attraverso l'approccio dell'Analisi del Ciclo di Vita (LCA);
• implementare strategie energetiche integrate in 60 edifici scolastici e universitari nell'area del Mediterraneo, nonché organizzare attività partecipative per la comunità scolastica tutta;
• trasferire strategie energetiche integrate in varie scuole dell'Area del Mediterraneo anche attraverso la predisposizione di iniziative regionali e interregionali, nonché il coinvolgimento diretto degli stakeholder;
• costruire una rete transnazionale di scuole efficienti dal punto di vista energetico, cooperando e impegnandosi per il cambiamento dei comportamenti nelle comunità scolastiche anche tramite una competizione EDUFOOTPRINT per le scuole e una piattaforma online per la condivisione delle azioni predefinite volte alla riduzione dell’impatto ambientale.

Partenariato
• Provincia di Treviso – Coordinatore
• Agenzia Regionale per l’Energia e l'Ambiente del Nord Alantejo AREANATej (Portogallo)
• Istituto per l'Innovazione e lo Sviluppo dell'Università di Lubiana IRI UL (Slovenia)
• Centro Euro-Mediterraneo per lo sviluppo sostenibile Svi.Med. onlus Sicilia (Italia)
• Istituto Europeo Pashko IEP (Albania)
• EGTC Efxini Poli – SolidarCity NETWORK POLIS Peloponneso (Grecia)
• Official College of Industrial Engineers of Western Andalusia COIIAOC (Spagna)
• Ambiente Italia srl (Italia)
• Istituto "Stefanini" – Rete ISIDE (Italia)

Durata progetto
28 mesi (2016 – 2019)

Budget complessivo del progetto
€ 1.298.173,80

Budget della Provincia di Treviso
200.000,00 euro

TOGETHER: Towards a goal of efficiency through energy reduction

TOGETHER: Towards a goal of efficiency through energy reduction
together
Programma europeo di finanziamento: Interreg CENTRAL EUROPE 2014-2020

Il progetto europeo TOGETHER, coordinato dalla Provincia di Treviso e finanziato dal programma Interreg CENTRAL EUROPE, intende motivare le Pubbliche Amministrazioni a migliorare l'efficienza energetica nei propri edifici, coinvolgendo anche gli utenti nella gestione energetica. Mira, inoltre, a cambiare la visione esistente degli edifici, trasformandola da una visione atomistica ad una olistica, da intendersi come un insieme di funzioni e relazioni tra spazio fisico, dispositivi tecnologici e il comportamento degli utenti stessi.

Il progetto è iniziato a giugno 2016 e si chiuderà a maggio 2019. Il partenariato è composto da 8 partner provenienti da 7 paesi dell'Europa Centrale che hanno unito le loro forze per sviluppare e implementare soluzioni per aumentare l'efficienza energetica e l'uso delle energie rinnovabili negli edifici pubblici.

La cooperazione tra i partner del Progetto TOGETHER ha gli obiettivi di:

  • supportare la diffusione di azioni tecnologiche per l’efficienza energetica già sperimentate, integrandole con azioni di “gestione della domanda”, per rendere gli utenti consapevoli del corretto utilizzo energetico degli edifici;
  • sostenere, all’interno del dibattito politico, la necessità crescente di migliorare l’efficienza energetica di edifici e infrastrutture pubbliche;
  • chiarire strategie e protocolli operativi che li possano supportare nella progressiva adozione di modelli più complessi per la gestione degli edifici, in modo da ottenere ogni possibile beneficio in termini di risparmio energetico e corretto utilizzo e risparmio di risorse pubbliche;
  • sviluppare le capacità di formulare obiettivi concreti di riduzione dei consumi energetici per ciascun edificio, allargando in questo modo l’ambito di applicazione delle previsioni dell’art. 5 della Direttiva 2012/27 a tutti gli edifici pubblici, anziché ai soli edifici delle Amministrazioni centrali;
  • supportare il miglioramento delle conoscenze, promuovendo attività di formazione per rafforzare le competenze interne e ridurre in questo modo la necessità di ricorrere a consulenti esterni;
  • mettere a sistema le buone pratiche per una più ampia disseminazione delle politiche di cui sia stata dimostrata l’efficienza;
  • rimuovere le barriere, spesso dovute alla complessità del quadro normativo, che possono ostacolare l’utilizzo di Contratti di Prestazione Energetica e di altre misure di efficienza energetica che consentano di incrementare la disponibilità di risorse per investimenti nell’ambito dell’energia.


Il progetto prende in considerazione la raccomandazione della Commissione Europea che prevede di dare priorità ai contratti di prestazione (EPC) per gli investimenti in efficienza energetica e di contrastare le barriere non-economiche e non-tecnologiche, incluse le barriere attitudinali e comportamentali, in quanto il potenziale risparmio ottenibile con le misure rivolte ai comportamenti delle persone è stimato tra il 5 e il 20%.

Considerando l'aspetto comportamentale un elemento cruciale e centrale nella definizione delle strategie per la riduzione dei consumi e il miglioramento dell'efficienza energetica, il progetto è pertanto finalizzato al miglioramento dell'efficienza energetica degli edifici pubblici attraverso queste azioni:

  • fornire ai tecnici e ai funzionari le conoscenze interdisciplinari necessarie per fronteggiare in modo innovativo le sfide poste dalla necessità di migliorare le prestazioni energetiche degli edifici, in un contesto caratterizzato dalla scarsità delle risorse necessarie per realizzare interventi tecnologici e infrastrutturali, e promuovere attività di formazione per migliorare le competenze in house del personale delle amministrazioni;
  • fornire supporto e strumenti operativi per introdurre l’efficienza energetica su un campione di edifici pilota (circa 100), attraverso il miglioramento dei comportamenti degli utenti, ritenuto fondamentale per il raggiungimento degli obiettivi previsti in termini di riduzione dei consumi;
  • codificare i risultati del progetto in un pacchetto di misure da proporre su larga scala, in modo da poterle utilizzare anche a livello nazionale ed europeo nell’ambito di piani, anche di più ampia portata, per la riduzione dei consumi energetici negli edifici pubblici.


Partenariato

• Provincia di Treviso – Coordinatore
• Agenzia per l’Energia della Vysocina EAV (Repubbilca Ceca)
• Agenzia Slovacca per l’Innovazione e l’Energia SIEA (Slovenia)
• Università di Maribor (Slovenia)
• Città di Zagabria (Croazia)
• Associazione di Comuni Polacchi “Energie Cités” (PNEC – Polonia)
• Comune di Paks (Ungheria)
• Municipalità del 12° distretto della città di Budapest (Ungheria)

Durata progetto
36 mesi (2016 – 2019)

Budget complessivo del progetto
€ 2.330.175,75

Budget della Provincia di Treviso
441.795, 00 euro

PROGETTI E RELAZIONI INTERNAZIONALI

PROGETTI E RELAZIONI INTERNAZIONALI
VALENTINA MATTARA
Responsabile
Telefono: (+39) 0422 656905

PAOLO BARNABA
Telefono: (+39) 0422 656891

ROSSELLA CENDRON
Telefono: (+39) 0422 656902

CRISTINA FAGNOLI
Telefono: (+39) 0422 656908

FEDERICA GIANDOLO
Telefono: (+39) 0422 656906

Fax: (+39) 0422 656909
E-mail:europa@provincia.treviso.it

Via Cal di Breda, 116
31100 Treviso
Edificio 1 (piano terra)

PROGETTI E RELAZIONI INTERNAZIONALI

PROGETTI E RELAZIONI INTERNAZIONALI
relazioni-internazionali
La mission dell’Ufficio Rapporti e Relazioni U.E. è quella di supportare l’Amministrazione nella definizione di interventi di sviluppo territoriale e di governance, nel quadro strategico fornito dalle priorità della politica e dei settori tecnici di riferimento, in collaborazione con gli attori istituzionali, economici e sociali del territorio.
In sintesi, le principali attività dell’Ufficio sono:

• individuazione delle opportunità di finanziamento in ambito internazionale, nazionale e regionale;
• ideazione, progettazione e adesione a progetti;
• monitoraggio delle attività progettuali gestite dai settori di riferimento;
• accompagnamento amministrativo dei settori e ideazione di strumenti innovativi di gestione e controllo;
• rendicontazione delle spese sostenute nell’ambito delle iniziative finanziate;
• assistenza ai Comuni per la ricerca di finanziamenti per proprie iniziative di sviluppo territoriale;
• informazione sulle opportunità di finanziamento del territorio con eventi tematici e info-day.

Inoltre, l'Ufficio Progetti e Relazioni Internazionali si occupa di Cooperazione attraverso la realizzazione di progetti di cooperazione, accordi e gemellaggi con altre collettività locali, europee e internazionali, che puntano a favorire lo sviluppo sostenibile e a rafforzare il processo di costruzione di valori condivisi nel pieno rispetto dei principi imprescindibili di pace, solidarietà e rispetto dei diritti umani.


CONTATTI
Questo sito utilizza cookie. Per saperne di più o per fare scelte specifiche sull'uso dei cookie clicca su "Voglio essere informato". Per esprimere il tuo consenso clicca su "Accetto". Se ignori questo banner, scorrendo la pagina o proseguendo nella navigazione, acconsentirai comunque all'uso dei cookie.